Viaggio in Irlanda: 5 buoni motivi per partire

Sono sicura che se aspettassi un po’ prima di buttare giù qualche idea e scrivere, questo post verrebbe sicuramente meglio, forse sarebbe più ricco, più sensato e meno di pancia. Ho le emozioni ancora tutte in circolo, devono essere ancora digerite e metabolizzate ma non gliela faccio, non riesco a resistere, perché dopo tanto mi sento di poterlo urlare ai quattro venti: questo in Irlanda è stato un viaggio bellissimo.
Uno dei più belli.
Talmente tanto bello che mi sento come la tizia monovocabolo nella pubblicità della Treccani e non vi nascondo che spero di riuscire a tornare appena possibile, anche l’anno prossimo. Chissà.

Perché? Leggi qui!

In Irlanda ho trovato:

Paesaggi e natura spettacolare

Le foto che girano su internet, quelle dei siti dei vari enti del turismo e di appassionati, instagram e flickr compresi, anche le più belle, quelle tecnicamente impeccabili, con saturazione/contrasto perfetti, non rendono minimamente l’idea dello spettacolo naturale che avrete davanti ai vostri occhi.

Il cielo nuvoloso che si apre e fa brillare quel verde dei prati di una sfumatura così intensa mai vista prima, è solo una delle tante meraviglie che vi faranno innamorare dell’Irlanda.

Da qualche parte nella penisola di Dingle Co.Kerry

Da qualche parte nella penisola di Dingle Co.Kerry

E poi c’è il contrasto del blu e del turchese dell’oceano che si infrange contro le rocce scure della costa e tutto quel verde che sembra tuffarsi direttamente in mare, il paesaggio piatto delle torbiere e quello surreale del Burren, l’imponenza delle scogliere dove la prima cosa che ti viene da fare è tirare fuori un urlo che parte direttamente dai polmoni.

Penisola di Dingle Co. Kerry

Penisola di Dingle Co. Kerry

Per tutto il viaggio non sono riuscita a togliermi dalla testa la voce della Mannoia che canta che “Il cielo d’Irlanda fa brillare il colori più del vero”, ed è veramente così, un raggio di sole qui compie una magia, accende un paesaggio già suggestivo di suo e non c’è contrasto e saturazione di photoshop che tenga. E’ tutto stupendamente reale. Dal Cork al Kerry, dal Clare al Donegal passando per tutte le contee che abbiamo attraversato nel mezzo.

Sulle strade di Achill Island Co. Mayo

Sulle strade di Achill Island Co. Mayo

Accoglienza

In questo viaggio le persone hanno veramente fatto la differenza, hanno ricoperto un ruolo fondamentale e se adesso ho una nostalgia incredibile è anche merito loro. Mi mancano Shivonne, Marissa, Carmen, Ivy che ci hanno letteralmente aperto le porte di casa facendoci sentire a casa. Abbiamo dormito in 12 posti diversi, tra BeB, stanze al piano sopra i pub, un paio di alberghi e tranne un paio di pernottamenti un po’ sfigati ci siamo sempre sentiti accolti. Prima di partire Salvatore mi diceva che gli Irlandesi sono napoletani dentro, ed io non capivo, come può un popolo del nord trasmettere quel calore che ritrovo solo a Napoli?

Ebbene sì, in diverse occasioni è stata una dura lotta. Non potrò mai scordare la simpatia di Shivonne, la prima simpatica host un po’ avanti negli anni che ogni mattina ci aggiornava con il meteo e si è quasi scapicollata per prenderci un cestino per mettere la nostra biancheria lavata ma ancora umida, ci ha pensato lei ad asciugarla. Ivy che si preoccupava che mangiassimo troppo poco, nella migliore delle tradizioni delle nonne italiane. La gentilezza e la simpatia di Carmen hanno dato colore ad un paese veramente ameno che forse, in un passato non troppo lontano, avrà conosciuto antichi splendori e un turismo se non internazionale per lo meno locale. Tutti si sono sempre prodigati a darci un consiglio su dove fermarci lungo il cammino, cosa fare, cosa vedere. Anche i posti un po’ più sfortunati o con meno appeal turistico avranno nel nostro cuore un posto speciale, grazie alla gentilezza ed ai consigli delle persone incontrate lungo il cammino.

Per non parlare poi della musica nei pub, la gente che ti saluta sempre, che ti chiede da dove vieni e ti guarda con aria curiosa, del cibo buonissimo, e, ovviamente, della birra che scorre a fiumi.

Trekking e attività all’aria aperta – tempo permettendo

Amanti della natura a rapporto.

Una delle cose che ho apprezzato di più è stato scoprire i posti camminando nella natura, tra ampi spazi e con pochissime persone nei paraggi con un vento che ti taglia la faccia e anche con il sole ti sposta da terra. Solamente lasciando l’auto per avventurarsi a piedi sui tanti sentieri predisposti si apprezza veramente l’Irlanda, quella che ti fa camminare in mezzo al nulla con i pensieri raccolti. Ho apprezzato tanto anche quando il tempo è un po’ uggioso, la nebbia è bassa e c’è quella pioggerellina impalpabile che alla fine ti inzuppa i vestiti, come dire, nel migliore irish mood. Inoltre molti posti si prestano bene ad essere scoperti noleggiando una bicicletta, farmi una bella pedalata dopo 15 anni è una di quelle cose che non hanno davvero prezzo.

Paesaggi del Burren

Paesaggi del Burren

Malin Head Co. Donegal

Malin Head Co. Donegal

Storia e cultura

Oltre alle bellezze naturali che sono state l’oggetto intorno a cui è stato organizzato il nostro viaggio, l’Irlanda è un paese rimasto sostanzialmente immutato nel corso dei secoli, potete ancora visitare castelli e rocche e intravedere ruderi e vecchi forti, testimonianza di una grande cultura tanto misteriosa quanto lontana.

Una storia che parla di “primi uomini”, di epiche battaglie, di scontri tra clan, come si fa a non essere affascinati?

Ho già intravisto sul sito del turismo irlandese l’itinerario Ireland’s Ancient East, che devo dire mi stuzzica parecchio, considerato il fatto che per via di un’attesa che sforava le 3 ore abbiamo dovuto rinunciare a visitare il sito archeologico di Newgrange. Se questo primo viaggio si snodato lungo la costa nel prossimo spero di scoprire le contee più interne.

Muckross Abbey Killarney National Park

Muckross Abbey Killarney National Park

Ballinskelligs Castle Co. Kerry

Ballinskelligs Castle Co. Kerry

Antico castello lungo il Cliffs of Moher Coastal Walk

Antico castello lungo il Cliffs of Moher Coastal Walk

A little of irish luck

E’ lo slogan delle catene di souvenir ma quando l’ho letto ho pensato di essere nel posto giusto.
E’ una cretinata, lo so, ma questo viaggio mi ha fatto tornare la carica e l’energia necessaria per affrontare diverse situazioni e portare la mia vita dove dico io. Se anche voi avete passato o state passando un periodo un po’ così l’Irlanda non potrà farvi che bene per tutti i motivi sopra elencati e se mi sono portata a casa un po’ di irish luck, beh lo scopriremo solo nei prossimi mesi!
Una cosa è certa, devo imparare a fare come loro che escono sotto la pioggia e vanno in bici con il diluvio, ad affrontare le situazioni con spirito ed incoscienza. Avete presente quella frase che dice che non bisogna aspettare che passi la tempesta ma imparare a ballarci dentro? Beh io voglio vivere così, facendomi meno problemi, proprio come fanno gli irlandesi.

36 Comments

  • Daniela ha detto:

    In Irlanda vorrei proprio tornarci e viverla come avete fatto voi. Sono stata soltanto a Dublino, che onestamente non mi ha entusiasmato come città, e poi abbiamo visitato Kilkenny e Glendalough, questi bellissimi, soprattutto il secondo devo dire. Però il calore degli irlandesi non si scorda facilmente, dal punto di vista umano è sicuramente il posto in cui mi sono trovata meglio in Europa. E quel verde… ah sì, devo senz’altro tornare! 😀

    • Valentina ha detto:

      Ciao Daniela, io su Dublino avevo un po’ di timore perchè dopo tutto quel verde, quei panorami pensavo che la città non mi sarebbe piaciuta, ed invece è stata una bella scoperta, certo è piccolina e si gira in un giorno. Glendalough molto a malincuore abbiamo dovuto tagliarlo fuori per concentrarci sulla costa ma la prossima volta voglio visitare un po’ di più l’entroterra che a giudicare dai vari siti promette meraviglie soprattutto perchè ci sono moltissimi siti legati alla cultura celtica. Già solo parlandone mi viene voglia di salire sul primo aereo e fare un altro giro!

  • Alessia ha detto:

    Entusiasmo a palate in questo articolo, Vale! Che bellezza leggerti e venire inevitabilmente avvolti e coinvolti nelle tua energia! Si sente che sei tornata a casa rigenerata, forse cambiata, e io non posso che farti un grosso in bocca al lupo. Che la irish luck possa non abbandonarti mai! Ps: cercherò di farne tesoro anch’io…prendere la vita con incoscienza è tra le cose più difficili da fare anche per me..

    • Valentina ha detto:

      Ciao Ale, sì questo viaggio decisamente più di altri mi ha fatto tornare a casa rigenerata, sarà l’azione benefica della irish luck? 😉 E’ stato un viaggio intenso e bellissimo e poi gli irlandesi con il loro modo di fare mettono di buonumore, tornando a casa mi sono ripromessa di cercare di vivere come loro!

  • Meridiano307 ha detto:

    Ma che bello… si sente proprio che questo posto ti è entrato nel cuore, in ogni parola usata hai racchiuso un sorriso. L’ente del turismo potrebbe decisamente utilizzare il tuo posto, per promuovere l’Isola. Sai che non pensavo che ci fossero così tanti castelli e rocche, la vedevo una cosa “più da Scozia”.

    • Valentina ha detto:

      Grazie mille, sei gentilissima! Neanche io pensavo ci fossero così tanti castelli e ruderi, la vedevo anche io una cosa più scozzese ed invece ogni pochi chilometri c’era un cartello che indicava qualcosa, l’Irlanda è piccola ma è un superconcentrato di cose belle!

  • Silvia Demick ha detto:

    Bentornati! Ho seguito il vostro viaggio su Instagram e le vostre foto mi hanno fatto venire tantissima nostalgia verso questo paese.
    Mi trovo d’accordo con tutti i motivi per andare in Irlanda, ed è proprio come dici tu: le persone ti accolgono come se fossi uno di famiglia, e fanno il possibile per aiutarti e per rendere l’atmosfera indimenticabile. Mi avete fatto tornare in mente la signora di un B&B che durante il primo viaggio in Irlanda si svegliava ogni mattina all’alba per fare l’Irish Soda Bread ai suoi ospiti: praticamente come una nonna con i suoi nipoti.
    Aspetto con ansia i prossimi racconti 🙂

    • Valentina ha detto:

      Ciao Silvia, grazie! Purtroppo, o per fortuna, sono riuscita a mettere ogni tanto qualche foto su Instagram e ogni tanto a inviare qualche tweet, ho uno smartphone un po’ andato! L’accoglienza è veramente un punto fondamentale ed in questo viaggio è stata la ciliegina sulla torta! Calcola che ad un certo punto abbiamo iniziato a declinare le colazioni con uova, pancetta, salsiccia, fagioli, scrambled eggs, boiled eggs…ecc e la signora del BeB si preoccupava che mangiassimo poco! Quando mai a colazioni mangi the, pane, pane tostato, marmellata, latte, cereali e yogurt? Io mai! Ah…mi sono dimenticata la frutta!;-)

  • Che bello Vale, sono super contenta per te! per voi!
    Finalmente – dopo un periodo un po’ così – un viaggio che fa tornare la carica e la voglia di mettersi davvero d’impegno per risolvere qualsiasi situazione positiva o negativa che sia!

    Me l’hai trasmessa proprio, me l’hai trasmessa tutta la bellezza di questa terra.
    Adesso vado da Stefano e gli dico di organizzare al più presto un viaggio così! <3

    Un bacione 🙂

    • Valentina ha detto:

      Grazie mille Lucrezia! Prima di partire non pensavo che fosse uno di quei viaggi che possa completamente stravolgerti ed invece…è andata proprio così. Mi sento arricchita, con più grinta, più energie, vi auguro vivamente e con tutto il cuore di poter fare al più presto un viaggio in Irlanda sono sicura che vi piacerà da morire!!!

  • Elisa ha detto:

    Mi è piaciuto tantissimo leggere questo post! Sono stata in Irlanda per tre settimane durante una vacanza studio e mi riprometto sempre di tornarci per fare un on the road e visitarla per bene

    • Valentina ha detto:

      Grazie mille Elisa! Io invece non ho mai fatto vacanze studio ma se un giorno avrò dei figli non avrò dubbi! Come destinazione per un viaggio on the road è perfetta, te la consiglio vivamente!

  • Chiara Paglio ha detto:

    Leggendo questo post mi è tornata una grande malinconia. Non mi sono mai completamente ripresa dal nostro viaggio in Irlanda, laggiù mi sembrava che nella vita non potesse accadere niente di male. Tra tutti, è stato forse il viaggio più bello della mia vita, completamente senza macchie.
    Grazie per avermi riportato laggiù con le tue bellissime parole 🙂

    • Valentina ha detto:

      Grazie a te Chiara! Ho avuto anche io la tua stessa sensazione, non riesco a spiegarla a parole ma è stata veramente bellissima. Per adesso anche per me è stato uno dei viaggi più belli, prima di farlo salire nella prima posizione voglio aspettare un po’ e vedere quanto diventa grande la nostalgia! Diciamo che per il momento è veramente tanta!!!

  • Elena_myscratchmap ha detto:

    L’Irlanda è così: noi ci siamo stati due volte per due anni di fila e so gnamo il terzo OTR dal Connemara in su! Sarà per le mille sfumature di verde che mai credevo potessero essercene così tante, per i paesaggi incontaminati e selvaggi, per il vento che profuma di mare e che a volte é così forte da togliere il respiro, per la gentilezza e l’ospitalitá degli irlandesi, per la seafood chowder che ancora mi sogno la notte…sará per tutte queste cose insieme ma l’Irlanda ti ruba il cuore. É pura magia – sará mica colpa di qualche folletto? 😉

    • Valentina ha detto:

      Inizio a pensare anche io che sia colpa di qualche folletto! Io nel prossimo viaggio sono indecisa, ho tropppa carne al fuoco! Le contee di Wexford e Wicklow, poi vorrei ritornare nel Kerry per vedere Valentia Island e la metà della penisola di Dingle che mi manca! Per non parlare della costa del Connemara, e delle contee più interne! L’Irlanda veramente ti ruba il cuore, hai detto bene!

  • L'OrsaNelCarro ha detto:

    E quindi è vero? Quel verde brilla proprio così?! *_* Caspita!
    Napoletani dentro hahahah questa cosa non l’avevo mai sentita ed è fantastica! 😀
    Valentina è evidentissimo (anche dagli altri commenti) come tu ci abbia trasmesso tutto l’entusiasmo di questo viaggio, per la serie “viaggiare attraverso le parole”!
    A quanto pare sei tornata a casa col cuore tinto di verde…ed è stato bellissimo imbrattarmi di vernice verde ad ogni tua parola! 😛
    Io avrei avuto difficoltà nel metterli in ordine di preferenza sti 5 punti, sai?
    Questo post lo devo stampare e lo devo lasciare da qualche parte in casa affinchè Orso lo legga! 😀
    Un bacio!

    • Valentina ha detto:

      Grazie mille Daniela! In realtà a parte l’ ultimo punto gli altri 4 li ho messi in ordine casuale, in modo che la lettura risultasse scorrevole, sono veramente equivalenti e non saprei davvero quale preferire! In realtà penso di saperlo… le persone hanno fatto veramente la differenza! E poi quei paesaggi, quel verde… é stato un viaggio fantastico! Dai convinci Orso a partire, sono sicura che vi piacerà un sacco e che vi troverete benissimo!

  • Ciao Valentina! Ho letto il tuo post e il primo pensiero è stato: per fortuna lo hai scritto e non hai atteso di digerire tutto quanto avevi visto e visitato. Lo trovo interessante e ricco di emozioni così com’e.
    Da tempo sogni l’Irlanda e da parecchio sfoglio la mia adorata Lonely Planeta per sognate. Non appena i piccoli saranno cresciutelli ci andremo!

    • Valentina ha detto:

      Grazie mille Elisa! Abbiamo visto tante famiglie con bambini, e a parte alcuni sentieri che sinceramente mi sento di sconsigliare a chi viaggia con bambini, ci sono tante altre attività interessanti o più tranquille! Tra l’altro durante il viaggio abbiamo usato esclusivamente la Lonely Planet per decidere nel dettaglio come muoverci! Quindi appena i bimbi avranno l’età giusta andate senza esitare, sarà un viaggio bellissimo!!!

  • Martina ha detto:

    Questo post è una delle più belle dichiarazioni all’Irlanda che io abbia mai letto ❤
    Ero lì esattamente un anno fa (non sembrano essere già passati dodici mesi) e ogni tua parola mi ha riportata su quell’isola: i colori, le sensazioni, le emozioni trasmesse da quel cielo in continuo mutamento.
    Hai ragione, gli Irlandesi sono così. Nel mio primo B&B in Irlanda del Nord la signora che ci ha ospitato è stata carinissima, disponibile e attenta, proprio come racconti tu.
    Ti auguro davvero di aver portato a casa con te un po’ di Irish luck 😉 Un abbraccio 🙂

    • Valentina ha detto:

      Ciao Martina, grazie mille per le tue belle parole. L’Irlanda non è un semplice viaggio, ti entra dentro e poi non la lasci più andare via! Le persone pou sono veramente speciali, soprattutto nei piccoli centri. Di irish luck ne avrò parecchio bisogno quest’anno! Speriamo bene e…dita incrociate! 🙂

  • Ciao cara! Questo articolo è uno dei migliori da me letti negli ultimi giorni. Per me viaggiare è entusiasmo, è innamorarsi, è tornare a casa un po’ diversi, avendo lasciato qualcosa ma anche avendo preso dai luoghi che abbiamo visitato. Ecco, mi sembra che il mio concetto di viaggio si incarni in questo articolo, quindi per me è stato un vero piacere leggerlo!!
    Quando poi si parla di VERDE io vado proprio in brodo di giuggiole 🙂
    Aspetto gli altri post! Un bacione 🙂

    • Valentina ha detto:

      Ciao Agnese, ti ringrazio per le belle parole. Anche io vado pazza per il verde e quello che ho visto nei giorni precedenti è uno spettacolo della natura!!! PS: vado a cercare la porta per il tuo articolo!Un abbraccio!

  • Giulia-ladoppiag ha detto:

    Siiiii!!! Io lo sapevo che ti sarebbe piaciuta!!! E non solo, hai descritto perfettamente tutto quello che amo all’infinito della terra più bella del mondo! I prati talmente verdi ed il mare così blu da sembrare stra saturati a Photoshop… Quel vento che ti accompagna sempre nel cammino ma che non riesci ad odiare anche se ti sferza le orecchie ed i capelli… Le persone… Gli irlandesi sono speciali! Sono socievoli, onesti, disponibili, chiacchieroni, buoni fino al midollo e sempre sempre gentili. Tutti!
    Saranno state queste cose o sarò stata incantata da una fata delle praterie della Cornovaglia?! Non lo so… So solamente che io quella terra magica la amo davvero!
    Bellissimo post, mi hai fatto rivivere le mie adorate emozioni irlandesi!!
    Ahhh… Per fortuna ad ottobre si vola a Dublino!!! Non vedo l’ora!

    • Valentina ha detto:

      Ciao Giulia, dell’Irlanda me ne sono innamorata, odio usare questo termine perchè sembra sempre che ogni viaggio sia tutto sole cuore amore. E’ qualcosa di più profondo, non te lo so spiegare, forse lo spiega bene Chiara in qualche commento precedente che mi ha messo i brividi “sembra che niente di male possa accadere”, ed è così. E’ un posto magico che ti entra nelle ossa, in ogni poro della pelle. Sono contentissima per te e per la tua fuga ottombrina a Dublino! Quando l’Irlanda chiama c’è poco da fare!!! Si parteeee!!!

  • Spignattando ha detto:

    Uao <3 Sono 5 motivi che condividiamo e che fanno battere il cuore per questa terra…davvero così verde!!! 🙂 Cosi azzurra, così bella con ogni condizione meteo! Ci hai fatto appassionare ancora di più e non vediamo l'ora di organizzare il primo viaggio…il primo di molti, visto che siamo sicuri come te che un viaggio in Irlanda fa venire subito voglia di tornarci!

    • Valentina ha detto:

      Ciao, ne sono sicura! Io ho appena stilato il nuovo itinerario! Ora però lo metto da una parte, perchè altrimenti i prossimi mesi saranno uno stillicidio dato che non potrò organizzare nessun viaggio! L’Irlanda è bella sempre, anche quando piove, con il sole poi è una meraviglia!!! Spero che tu possa realizzare presto questo tuo viaggio! 🙂

  • Elisa ha detto:

    Che bello leggere le tue parole cariche di felicità! A me piace molto stare a contatto con la natura e non nego di aver già fatto un pensierino su un bel on the road in Irlanda. In una settimana sarebbe comunque fattibile?

    • Valentina ha detto:

      Ciao Elisa, in una settimana puoi organizzare un bel viaggio! Ti sconsiglierei di fare tutta la Wild Atlantic Way come abbiamo fatto noi ma di concentrarti su una zona. Fra tutti i posti che ci sono piaciuti ti consiglierei senza alcun dubbio la zona ovest, dalla contea di Kerry (Killarney National Park, Ring of Kerry e penisola di Dingle) a quella di Clare (Cliff of Moher, Burren e magari una delle Aran), magari con una puntatina nel Connemara prima di rientrare a Dublino. Sono posti stra-stra-belli. E’ quasi pronto il prossimo post con il nostro itinerario, le varie tappe, e qualche piccolo consiglio! Secondo te è normale che ogni giorno ho una voglia irrefrenabile di acquistare subito un nuovo biglietto?

  • Donatella ha detto:

    Me ne basterebbe anche uno solo di motivo per partire *-* in realtà l’ho trovata sempre molto cara per le mie povere tasche da precaria 🙁 ma la sua magia me la porto sempre dentro!!

    • Valentina ha detto:

      Ciao Donatella, hai ragione, purtroppo non è esattamente economica come meta ma con qualche piccolo accorgimento si può risparmiare qua e là…

  • Eliana ha detto:

    Direi che il primo motivo è più che sufficiente 🙂
    Bellissime le foto. Io sono stata in Irlanda nel 2011, ma ho visitato solo Dublino e Cork. Anche io ho trovato gli irlandesi molto aperti e accoglienti.

    • Valentina ha detto:

      Ciao Eliana, beh sì solo per ammirare certi paesaggi prenderei il primo volo…pensavo fosse bella ma non così bella! Però dai anche tutti gli altri motivi sono altrettanto validi! 🙂

  • Lucia ha detto:

    Che foto meravigliose! Fanno venir voglia di partire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *