Irlanda del Nord: Una volta basta? Itinerario, tappe e qualche considerazione.

E’ da quando abbiamo lasciato il BeB di Ivy a Larne circa 40 chilometri a nord di Belfast per dirigerci verso Dublino, tentando inutilmente di visitare Newgrange, che cerco le parole per parlarvi dell’Irlanda del Nord, il problema è che voglio e devo essere sincera, prima di tutto con me stessa e poi con chi mi legge.

Taglio corto, l’Irlanda del Nord, a parte un paio di posti, non ci è piaciuta.
Una volta varcato il confine e dopo aver lasciato Derry, città che merita di essere raccontata a parte insieme a Belfast, che, non l’avrei mai detto, ha dato senso ad una giornata passata tra la A8 e la M2, la magia si interrompe al Sentiero del Gigante, l’unico vero motivo valido per fare una tappa in Regno Unito.

Avevo(amo) grandi aspettative sui due giorni in tra Derry e Belfast, avevo tracciato un itinerario che ci avrebbe portato a visitare il Sentiero del Gigante di mattina, per poi spostarci a est cercando le location del Trono di Spade, una tappa sul Carrick-a-Rede e poi giù tra le Glens of Antrim fino ad arrivare a Larne dove avremmo pernottato prima di spendere un giorno a Belfast.

Ed invece il Sentiero del Gigante lo abbiamo visitato in serata, inter nos anche aggratis, la mattina abbiamo visto The Dark Hedges ed il porto di Ballintoy e ci siamo rifiutati di pagare 9£ per attraversare un ponte in corda. E ci siamo ritrovati con il nostro itinerario stravolto nel giro di un paio d’ore.

Insomma abbiamo lasciato questa parte d’Irlanda un po’ disincantati, da un certo punto di vista non mi è dispiaciuto, sono stati due giorni di preparazione a Dublino, in cui ho ripreso contatti con il pianeta Terra, quello fatto di auto in coda, parcheggi che non si trovano, e tanta gente per strada. Ah, dimenticavo ed anche qualche sfascione sui marciapiedi.

Detta così sembra che l’Irlanda del Nord sia un posto tremendo, non è così, è solo che a me non è piaciuta come tanti altri posti visitati nei giorni precedenti, l’ho trovata paesaggisticamente piatta e poco emozionante e magari vorrei averlo letto, qualche post un po’ disincantato, prima di organizzare il viaggio. Perché a mio avviso una differenza si avverte.

E poi posso dirlo? A me st’irlandesi(inglesi) del nord mi sono sembrati un po’ boriosi. Spesso abbiamo incontrato cartelli stradali un po’ fuorvianti del tipo “Giant’s Causeway Coastal Route: an area of enchanting beauty”… posso dirlo che sono un tantino esagerati? Allora nel Kerry o nel Connemara dovevano mettere non cartelli stradali bensì pubblicitari! Io di enchanting beauty ho visto ben poco, a parte due o tre cosette che ci tengo a dire.

Posti a mio parere veramente imperdibili:

Dunluce Castle: si trova qualche chilometro prima del Sentiero del Gigante ed è veramente d’impatto. E’ a strapiombo sulla scogliera, tra l’altro con il passare dei secoli ne è franata una parte in mare, e la sua vista migliore si ha…dalla strada. Purtroppo quando siamo arrivati il castello era già chiuso e non è stato possibile visitarlo…ed ancora mi sto mangiando le mani! Ci siamo limitati a guardarlo dal parcheggio e poi dalla strada, veramente bellissimo.

Foto abbastanza scrausa ma che rende abbastanza l'idea

Foto abbastanza scrausa ma che rende abbastanza l’idea

Il Sentiero del Gigante: ha bisogno di presentazioni? Questa tappa è obbligata, non ci sono scuse. E’ un posto magico.

Giant's Causeway

Giant’s Causeway

Posti medi: Le location de Il Trono di Spade

Se siete fan accaniti come noi de “Il Trono di Spade” allora vorrete a tutti i costi cercare alcune delle location della serie tv o qualche pub con le porte in legno intagliato con le scene della sesta stagione. Noi avevamo una lista di quattro tappe ma abbiamo visto solo le seguenti, il motivo? Alla seconda ci eravamo già scocciati, abbiamo avuto la sensazione di cercare “il pelo nell’uovo”, qualcosa di emozionante nel piattume più totale.

Dato che siamo in vena di confidenze io lo dico…pensavo meglio.

The Dark Hedges

img_6747bis

Ballintoy Harbor

img_6750bis

img_6759bis

Posti su cui non posso esprimermi:

The Gobbins, il percorso lungo la scogliera purtroppo chiuso per lavori di manutenzione. Forse avrebbe fatto rialzare la mia considerazione sulla zona in generale.

Distilleria Bushmills, saltata a piè pari, tenetela come ultima spiaggia in caso di pioggia.

Posti che… ma anche no:

Carrick-a-rede: pagare 9£ per attraversare un ponte e vedere cosa? Il panorama? Fare un’esperienza? Sinceramente…anche no. Grazie.

Qualche consiglio…

A mio avviso c’è più di un motivo per visitare l’Irlanda del Nord ma bisogna arrivarci preparati, soprattutto se venite dalla costa ovest del paese.

Il primo è senza dubbio il Sentiero del Gigante. E’ una tappa che abbiamo voluto con ostinazione, uno di quei posti di cui subisci il fascino, ed il richiamo, a distanza. Ho fantasticato leggendo le storie sulla sua creazione, come si può non farlo?, ho cercato la spiegazione geologica del processo che ha portato alla sua formazione, avendo conferma, per l’ennesima volta in questo viaggio, che la Natura offre sempre lo spettacolo migliore. Non so descrivervi l’emozione di trovarsi davanti ad un’opera naturale così geometrica e perfetta e tutt’oggi non so se ringraziare Fin McCool  o Madre Natura ma in entrambi i casi c’è di che esser grati.

Il secondo motivo è la storia dell’Irlanda del Nord che mi ha attratta come una calamita. Ho guardato documentari, film e letto libri sui Troubles e la Partition, e niente io a Derry e a Belfast volevo andare per forza. E lo rifarei ancora. E’ una storia troppo vicina da essere ignorata, perchè qualche annuncio al Tg dell’Ira che mette bombe nei cassonetti ancora me lo ricordo. Ma soprattutto è una ferita ancora aperta ed io volevo vedere quei posti e volevo capire, volevo passeggiare nel Bogside e vedere Shankill e Falls Road. Anche queste tappe le rifarei ad occhi chiusi.

img_6710bis

Bogside – Derry

img_6699bis

Per il resto non aspettatevi scenari mozzafiato come nel Kerry o nel Clare, la magia del Connemara e del Mayo. Siamo veramente lontani.

Quindi, se avete pochi giorni e volete fare un viaggio in Irlanda e la vostra scelta ricade su questa fetta del paese quello che consiglierei al mio miglior amico è di visitare Belfast e tutto ciò che la costa può offrire fino a Derry ma di spingersi oltre ed arrivare almeno nel Donegal, perchè è vero che come dicono loro “Up here it’s different” ma è proprio lì che inizia quell’Irlanda che mi è piaciuta tanto. A mio avviso un giorno intero va dedicato a Belfast, una giornata alla costa, Derry può essere la prima tappa della giornata prima di andare nel Donegal, magari visitando Malin Head.

Voi siete stati in Irlanda del Nord? Vi è piaciuta? Ho scelto un itinerario sfigatello e ci sono posti di enchanting beauty che non ho segnato?

Io dopo questo post sono pronta alla pubblica fustigazione, ma non posso farci niente… non ci ritornerei per approfondire il discorso.

Anzi vi anticipo una cosa, a Belfast ritornerei.

20 Comments

  • Alessia ha detto:

    È aumentato il costo del biglietto per il Ponte di Corda. Quando siamo andati noi sette anni fa costava intorno alle due sterline! A me era piaciuto molto tutto questo tratto di costa… E senza fare paragoni, cioè per me è oggettivamente bello… Già con Hiroshima avevamo avuto opinioni in contrasto, ti ricordi Vale? È anche pet questo che trovo stimolante leggere il tuo blog Ciao!

    • Valentina ha detto:

      Ciao Ale, a me invece è piaciuto tantissimo solo il Sentiero del Gigante e mi dispiace tantissimo dirlo…il resto purtroppo non ci ha emozionato, non so se è perchè arrivavamo da posti che ci hanno fatto restare a bocca aperta o per il tempo un po’ più uggioso del solito che abbiamo incontrato… ma se dovessi consigliare questo pezzo d’Irlanda la consiglierei per la storia più che per i paesaggi. E’ bello confrontarsi anche sui luoghi che visitiamo e meno male abbiamo opinioni diverse! Sennò sai che pizza!!! 😉

  • Silvia Demick ha detto:

    Ah, mi dispiace che non ti sia “innamorata” dell’Irlanda del Nord 😉 Sono d’accordo con te quando dici che comunque i paesaggi come quelli della Contea di Kerry o Clare sono un’altra cosa, ben più spettacolare. A me però è piaciuta comunque – forse anche perché io ci sono stata a dicembre e subisco il fascino dei posti lugubri, tristi e bui 😉
    Buona giornata 🙂

    • Valentina ha detto:

      Ciao Silvia…ho anche pensato che forse fare il giro in senso antiorario avrebbe avuto più senso, forse partendo da lì e arrivare al Kerry sarebbe stato un bel crescendo di paesaggi sempre più spettacolari! La prossima volta in qualunque parte del mondo andrò vedrò di ricordarmene! A presto!

  • L'OrsaNelCarro ha detto:

    Quant’è brutto rimanere delusi, soprattutto quando si parte con tante aspettative. Tuttavia io sono della scuola di pensiero che le impressioni negative vadano riportate assolutamente. Come hai giustamente detto tu, se avessi letto prima in qualche altro blog che c’era la possibilità di trovare piattume, magari avresti deciso diversamente oppure partivi più preparata. Ad ogni modo mi dispiace, so bene quante rinunce e sacrifici ci vogliano per organizzare un viaggio così!
    Ma quel castello con le impalcature non si può guardare hahahahha! Ho letto il commento di Alessia e da 2 a 9 sterline è un botto hai fatto bene a dire no! Quando una cosa diventa troppo turistica…. 🙁
    La verità? Da quello che ho visto sul web trovo anche io che le location di GOT siano un tantino sovradimensionate! Meglio, molto meglio le città e la costa!
    Alla prossima!

    • Valentina ha detto:

      Ciao Daniela, sono pienamente d’accordo con te, se avessi letto qualcosa a riguardo sicuramente sarei partita consapevole ma non ci avrei comunque rinunciato! Il Castello dà il meglio di sè dalla strada, peccato che proprio in quel punto ci sia una bella curva, quindi non mi sembrava proprio il caso di fare una foto! Le impalcature non si possono guardare ma è uno dei posti più belli che ho visto in Irlanda del Nord e mi mangio le mani di aver fatto tardi e non essere entrata; le location del Trono di Spade sono decisamente sopravvalutate, a me non hanno convinto… però mettici pure che te lo dice una che ama il cinema ma non i set e tutto il lavoro che c’è dietro; quando da piccola mi portarono con la scuola a vedere gli studios di Cinecittà rimasi malissimo quando scoprii che la villetta dei Martini era finta! Tutto sommato l’Irlanda del Nord non schizza in cima alla lista dei posti in cui tornerei al volo ma sono comunque contenta di averla visitata, se non altro per essermi fatta una mia opinione e sono d’accordissimo con te mooooolto meglio le città e la costa!!! PS: per attraversare quel ponte di corda chiedono troppi soldi! Va bene la manutenzione…ma sono esagerati!!! A presto Dany!

  • Blueberry Stories ha detto:

    Non sono mai stata nell’Irlanda del Nord, ma ti confesso che la immaginavo proprio come l’hai descritta. Ho uno strano rapporto con l’Irlanda in generale, perché mi affascina la sua cultura, sono rimasta colpita dai paesaggi che ho visto tanti anni fa, quando sono finita in mezzo alla campagna irlandese circondata dal nulla… eppure, non mi sono innamorata. Penso però che la delusione sia giusta, sia parte del viaggio: se ci esaltassimo per ogni luogo che vediamo, finiremmo per abituarci e non resteremmo così colpite quando troviamo il nostro “posto del cuore” 🙂

    • Valentina ha detto:

      Sono d’accordo con te…un pizzico di delusione fa parte del gioco (del viaggio in questo caso), serve a dare importanza a quello che ci ha colpito di più, a quello che sentiamo più affine e per come dici anche tu per capire quando troviamo il nostro ” posto del cuore”! Se trovassimo tutto bello ed esaltante non avrebbe senso!

  • Io non sono mai stata in Irlanda, neanche a Dublino al contrario di Stefano, quindi non so darti un mio parere.
    Però so bene come ci si sente a rimanere molto delusi da un luogo da cui ti aspettavi di più! A noi è successo tante volte!
    Ma quel ponte di corda che nomini nell’articolo è quello ad un’altezza vertiginosa sopra le scogliere? mhhhh,io forse ci sarei passata, più che altro per mettermi alla prova, Stefano probabilmente non sarebbe riuscito a passare invece ahaha!
    Comunque avete fatto benissimo a spingervi fin lì per i motivi che avete elencato, che sono più che validi…in primis il sentiero del gigante! 🙂
    Complimenti per la sincerità, ci piace! lo sapete! 😉

    • Valentina ha detto:

      Si Lucrezia, credo sia quello che intendi tu, è molto famoso come attrazione! Io come esperienza me la sono risparmiata volentieri, soprattutto per il costo! Rimanere delusi quando si hanno aspettative tanto alte è un po’ una scocciatura ma senza dubbio sono contenta di essermi fatta una mia opinione, anche le delusioni, purtroppo, fanno parte del gioco, che poi siamo rimasti delusi un po’ in generale da tutto il luogo ma siamo stati contenti di esserci fermati anche qui per tanti altri, bisogna sempre mettere tutto sulla bilancia ed alla fine i ricordi positivi hanno sempre la meglio anche se…ecco non è il primo posto dove ritornerei!! A presto!

  • Giulia-ladoppiag ha detto:

    Io non ti fustigo… anzi ti capisco molto ma molto bene!!
    Anche a me l’Irlanda del Nord non è piaciuta affatto! Tranne Derry, gli alberi di Dark Hedges ed il cammino del nostro amico Gigante… insomma non è nulla di che!
    Le persone sono poco socievoli (tutto il contrario dei VERI irlandesi), le serate nei pub sono fredde e poco divertenti, Belfast è una città molto industriale, con davvero poco da vedere.
    È pensare che avremmo potuto rimanere nella nostra amata contea di Sligo e nel Donegal invece di procedere dritti per queste terre che poco hanno a che fare con la magica atmosfera irlandese.
    Avevo scritto anche un articolo su Belfast in cui lamentavo la mia voglia di tornare verso Dublino!!! 😉
    Bacioni

    • Valentina ha detto:

      Giulia io e te ci capiamo benissimo! Sono d’accordissimo su tutta la linea…noi a Belfast abbiamo fatto due visite molto veloci una di mattina ed una nel tardo pomeriggio e ho la sensazione di averla visitata male…comunque anche io ho avuto il rimpianto di non aver dedicato più tempo a Sligo o al Donegal! Ci rifaremo la prossima volta! Corro a cercare il post, ultimamente perdo pezzi di post in giro per il web! 🙂

  • Meridiano307 ha detto:

    Pane al pane e vino al vino! Non posso darti opinioni sull’Irlanda, nè del nord nè del sud, perchè il mio piedino non ha mai toccato quel suolo. E’ un po’ la mia bestia nera..ogni volta che nomino Irlanda o Dublino, ecco le locuste che m’invadano casa..prima o poi però, riuscirò a sconfiggere la sorte. Comunque ti dicevo, mi è piaciuto tanto il tuo post: onesto, schietto ed ironico. D’altronde quando le cose non ci piacciono o lo fanno meno, è giusto dirlo..anche se è brutto ammetterlo, soprattutto a sè stessi, che un posto tanto sognato alla fine ci abbia lasciato con l’amarino in bocca

    • Valentina ha detto:

      E’ vero… la cosa più difficile è proprio ammetterlo con se stessi…per il tempo, i soldi e le aspettative perse per strada! Ma alla fine anche questo fa parte del viaggio! A presto! 🙂

  • Roberta ha detto:

    Anche secondo me l’Irlanda è piaciuta molto di più rispetto all’Irlanda del Nord. Però, avendo fatto il giro al contrario (lasciando le cliffs of moher per ultime), non mi è dispiaciuta. Anche io sono rimasta piacevolmente colpita da Derry! Per quanto riguarda il ponte di corda, devo dire, di aver speso volentieri i soldi, perchè il percorso a piedi fino al ponte è davvero suggestivo, e l’isolotto di Carrick è circondato da un’acqua cristallina bellissima. Comunque, il Connemara è tutta un’altra storia..

    • Valentina ha detto:

      Ciao Roberta… penso che partire dal Nord e arrivare sulla costa ovest sia stata una buona scelta, per lo meno i paesaggi sono in un crescendo di bellezza senza pari! Il Connemara è davvero stupendo, vorrei tanto tornarci per godermi la costa!!!

  • Chiara Paglio ha detto:

    Sono sorpresa, non avevo finora letto pareri tiepidi sull’Irlanda del nord, che non abbiamo visitato. Ma arrivando dalla costa ovest e conoscendo la sua bellezza posso capire che, al confronto, molte cose impallidiscano. I posti che mi attirano di più sono sicuramente Giant’s Causeway e Dark Edges, anche di Derry ho letto altrove commenti positivi. Perciò se avremo modo di ritornare in Irlanda a breve faremo tesoro delle vostre indicazioni su itinerario. 9£ sono veramente una cifra assurda xD

    • Valentina ha detto:

      Ciao Chiara, anche io non avevo letto che post entusiasmanti…ed invece ho trovato la zona abbastanza piatta a parte un paio di posti, uno di questi è sicuramente il Giant’s Causeway, quello vale sicuramente la visita! Sarò una voce fuori dal coro ma anche le location del Trono di Spade non mi hanno entusiasmato, le ho trovate sopravvalutate… Derry e Belfast le inserirei più per la storia che per altro…a Derry siamo stati mezza giornata ma ho un ricordo positivo ed anche di Belfast nonostante l’abbiamo vista in due botte, una parte prima di pranzo ed una nel tardo pomeriggio/sera…insomma una giornata non esattamente ottimizzata! 9£ per quel ponte sono e-s-a-g-e-r-a-t-i!!!

  • Elena ha detto:

    Ti capisco, non tanto per l’Irlanda del Nord che non ho visto (dell’altra Irlanda invece conservo uno splendido ricordo), quanto rispetto alla difficoltà di affermare che un luogo non ci è piaciuto.
    Difficoltà,in primis, dovuta allo scarso tempo a disposizione da non aver voglia, magari, di “sprecarlo” parlando di quello che non ci hanno convinto. E poi, spesso, ho notato sul web una sorta di omertà virtuale che ci impedisce di poter parlare in modo negativo di alcune esperienze vissute. Chissà poi perchè. Capita a tutti di “sbagliare giro”, capita a tutti pensare “sì carino, ma…”.

    Mi fa molto piacere trovare un articolo come questo. L’ho trovato davvero più interessante rispetto che se avessi descritto solo la bellezza dei paesaggi o delle persone incontrate.

    Brava!

    • Valentina ha detto:

      Grazie Elena, mi fa piacere sapere che (più di) qualcuno ha apprezzato un post di questo tipo, pensavo di venir fustigata pubblicamente ma niente ci tenevo troppo a dire la mia…magari a qualcuno sarà utile! E’ vero capita di sbagliare giro o ritrovarsi in un posto solo “carino ” anzichè favoloso e bellissimo, purtroppo e per fortuna nessuno mi paga i viaggi o mi paga per raccontarli, quindi a costo di sembrare una tontolona a volte è utile anche raccontare anche di posti meno entusiasmanti o le giornate un po’ più sfigatelle… capitano e fanno parte del viaggio! Ho notato anche io una sorta di omertà virtuale nel trattare argomenti un po’ più negativi ma mi fermo qui perchè entriamo in un argomente troppo spinoso! 😉
      A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *